DAT instruments, Italia, JET SDP - J, datalogger

Sulla “Statale degli Scrittori”

Articolo pubblicato sulla rivista “OnSite”, Gennaio 2019

I datalogger e i sensori DAT instruments sono stati utilizzati per controllare la perfetta esecuzione di pali di cemento durante la costruzione di un  importante tratto di collegamento tra la città di Caltanissetta e l’Autostrada Palermo-Catania. Nota come la Statale “degli Scrittori”, la SS 640  ha inizio da Porto Empedocle, attraversa la Valle dei Templi e – percorrendo le province di Agrigento e Caltanissetta – termina in corrispondenza dell’innesto con l’autostrada A19, che collega Palermo a Catania. I 72 km di lunghezza rappresentano una dorsale strategica della viabilità regionale, caratterizzandosi sia come asse stradale a servizio delle aree interne che  come itinerario preferenziale di collegamento tra la Sicilia sud-occidentale e  l’anello viario principale dell’isola costituito dai collegamenti autostradali  tra i tre principali centri metropolitani: A19 Palermo-Catania,  A20 Messina-Palermo e A18 Messina-Catania. La vecchia statale 640  presentava una sezione stradale a carreggiata unica, con una corsia per  ogni senso di marcia, mentre i collegamenti con la viabilità secondaria  erano assicurati da svincoli a raso ed erano frequenti gli accessi diretti a  servizio di edifici e fondi agricoli privati. Per modernizzare l’arteria, l’Anas ha inserito nei propri programmi l’intervento di adeguamento a quattro corsie del tratto maggiormente congestionato posto tra la zona a sud di  Agrigento e l’innesto con lo svincolo Caltanissetta dell’Autostrada A19  Palermo-Catania. L’intervento ha previsto una sezione stradale composta da  due carreggiate separate, ciascuna a due corsie da 3,75 m, fiancheggiate  da una banchina da 1,75 m a destra e da una banchina pavimentata di 1,25  m a sinistra, con spartitraffico minimo di 2,5 m. Il cantiere è stato suddiviso in due  lotti e recentemente sono stati portati a termine i lavori attorno Sulla “Statale degli Scrittori” alla città di Caltanissetta dove sono stati eseguiti pali di diametro 800, 1.200 e 1.500 mm, per un totale  di 7.590 m, a una profondità che va da 13 a 52 m. Il committente per  questi lavori ha richiesto un’elevata precisione, con una tolleranza di 10 cm  sulla profondità e dello 0,03% sulla verticalità. Parametri che hanno indotto  l’impresa a installare sulla perforatrice MAIT HR130 un datalogger  JET SDP / J prodotto da DAT instruments, che permette di visualizzare sul  monitor in tempo reale la profondità, la velocità di avanzamento e  l’inclinazione sugli assi X e Y del palo. “L’adozione di questa  strumentazione, coadiuvata dal sensore di inclinazione DAT INCL XY e dal  sensore di profondità e velocità di traslazione dell’asta JET DEPTH – ha  commentato Amedeo Valoroso, fondatore e titolare di DAT instruments – ha  permesso di soddisfare le richieste della direzione lavori, consentendo la corretta esecuzione dei pali sia per quanto riguarda la profondità che la  verticalità. Va inoltre sottolineato come il JET SDP / J sia uno strumento  efficace ed economico, alla portata di qualsiasi impresa, ma allo stesso  tempo capace di risolvere molteplici problemi e di rispondere alle richieste  anche più stringenti”.

DAT instruments, Italia, JET SDP - J, datalogger
DAT instruments, Italia, JET SDP – J, datalogger
DAT instruments, Italia, datalogger, JET SDP - J, perforazioni, cantiere
DAT instruments, Italia, datalogger, JET SDP – J, perforazioni, cantiere
DAT instruments, JET INCL XY, sensore di inclinazione sui due assi X e Y
JET INCL XY, sensore di inclinazione sui due assi X e Y
DAT instruments, datalogger per: Jet grouting - Iniezioni di cemento - Pali valvolati - Trivellazioni - DAC test - CFA - Deep mixing - Soil mixing - Vibroflottazione - Diaframmi - Prove Lugeon
Posted in DAT instruments.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

captcha

Please enter the CAPTCHA text